La top ten di giugno 2020

Pubblicato il 08/07/2020 - Alessia Vicario
L’analisi Quantalys delle migliori categorie, i migliori fondi ed i migliori benchmark di giugno 2020 per performance ad un mese.

 

 

Top 10 categorie giugno 2020 (performance ad 1 mese)

Per il terzo mese consecutivo la top ten delle categorie per performance ad un mese continua ad essere popolata da categorie azionarie con performance ancora inferiori rispetto a quelle registrate ad aprile ma comunque elevate. Se nel mese di maggio nella top ten predominavano le categorie azionarie europee (6 su 10) la top ten di giugno, al contrario, è popolata prevalentemente dalle categorie dei paesi emergenti (8 su 10) che però, nonostante le positive performance dell’ultimo mese, rimangono con performance YTD fortemente negative. In particolare il Brasile -37,49% YTD e la categoria relativa all’America Latina -32,37% YTD. Al primo posto la Grande Cina +9,57% (+7,75% YTD) seguita dalla Cina +8,83% (+ 6,08% YTD). Le due categorie oltre ad essere in cima alla classifica rappresentano le uniche due a presentare performance positive anche sull’orizzonte YTD. Nell’ultimo mese del primo semestre 2020 hanno recuperano anche l’India, il Brasile e i Bric fortemente colpiti nei mesi precedenti.

Tra le aree emergenti non rientra nella top ten solo la Russia che, nel mese di giugno, registra una performance del +0,14% posizionandosi al 119° posto con una performance YTD del -18,10%.

Nessuna delle categorie azionarie settoriali entra nella top di giugno ma le migliori per performance ad un mese sono rappresentate dall’Azionario Tecnologia e dall’Azionario Oro al 14° e 15° posto con una performance ad un mese del +5,35% e del +5,22%. Tra le categorie obbligazionarie, anch’esse non presenti nella top ten, le migliori sono le categorie convertibili globale ed euro rispettivamente al 31° e 32° posto con una performance del +2,75% e del +2,60%. Solo 18 delle 140 categorie Quantalys registrano performance ad un mese negative. Tra queste da notare le categorie azionarie riconducibili al Regno Unito (sia blend che small cap) e quelle obbligazionarie relative alle valute: Yen e sterlina inglese. 

Top 10 fondi giugno 2020 (performance ad 1 mese)

Negli ultimi mesi nelle top ten dei fondi abbiamo visto la prevalenza di determinate strategie o di determinate aree geografiche. Ad aprile ad esempio la top ten era dominata da fondi Azionario Oro, a maggio da fondi legati alle categorie azionarie europee, il mese di giugno risulta invece molto più eterogeneo.                                                                    Tre i fondi legati alle categorie azionarie settoriali. Al 1° posto BNPP Energy Transition Clc EUR Acc di BNP Paribas Asset Management Lux (Az. Energia, materie prime e oro) +21,41% (+24,07% YTD) un fondo ESG di intensità Quantalys pari a 3 focalizzato sull’aspetto enviromental. Al 2° posto il fondo Variopartner Sectoral EM Health P USD della società di gestione Vontobel AM SA in delega a Sectoral Asset Management (+15,95% e +29,11% YTD) della categoria Azionario salute - farmaceutico. All’ultimo posto il fondo IXIOS Gold P USD Acc Azionario Oro (+12,37% e +32,38% YTD).            

Numerosi i fondi legati alle categorie dei paesi emergenti: al 3° posto un fondo Azionario Grande Cina di Azimut Investment SA AZ Fund 1 Equity China A AZ Acc +14,94% lanciato nel mese di maggio. Al 5° e al 9° posto due fondi Azionario Cina (Mirae Asset China Sector Leader Eq A Cap di Fundrock Management Company SA +14,44% e 23,78% YTD; RWC Funds RWC China Equity Fd B EUR Acc di MDO Management Company +13,31% e +4,23% YTD). Due i fondi appartenenti alla categoria Asia Pacifico ex Giappone: al 4° posto il fondo PineBridge Asia ex Japan Equity Fund A di Pinebridge Investments (+14,77%, 7,62% YTD) e all’8° Nomura Asia X-Jap High Conv Fd I USD Cap di Nomura (+13,82% e +2,65% YTD). Al 6° e al 7° posto rispettivamente Invesco e Morgan Stanley, la prima con il fondo Azionario paesi emergenti globale Invesco EM Innovators Eq. Fund A Acc USD (+13,98% -2,11% YTD) e la seconda con il fondo Azionario Globale MSIF Global Endurance Fund Z che per la terza volta, da inizio anno, si posiziona nella top ten (al primo posto nella top ten di maggio ed al terzo in quella di gennaio).

 

Top 10 Benchmark giugno 2020 (performance ad 1 mese)

In coerenza con quanto registrato nella top ten delle categorie anche per i benchmark la top ten è dominata da indici relativi ai paesi emergenti. Il MSCI Growth fa meglio del blend e del free Asia posizionandosi al 1° posto con una performance del +8,75% (-1,21% YTD) mentre il Free Asia al 3° con una performance del +7,64% (-3,19%) e il blend al 7° +6,76% (-9,49% YTD). Bene anche la Cina al 2° posto con il MSCI China che registra il +8,38% e valori positivi sull’orizzonte YTD (+3,85%), il MSCI Bric al 5° (-7,26% YTD). 

A livello europeo all’ultimo posto è presente l’Euro Stoxx 50 con una performance del +6.40% (-12,37% YTD) sostenuto sia dalle politiche monetarie e fiscali che dall’allentamento delle misure di lockdown in numerosi paesi che non hanno fortunatamente determinato preoccupanti aumenti dei contagi. Due i benchmark riferibili all’Italia, al 6° posto il MSCI Italy (-17,67% YTD) e al 9° il FTSE Mib (-17,57% YTD). Agli ultimi posti invece il Giappone e i settori anticiclici che dopo aver registrato i migliori risultati nei mesi precedenti, nel mese di giugno proprio con il recupero dei settori ciclici hanno registrato le performance più basse (World Health Care, l’Utilities e l’Energy).

 

Da Alessia Vicario Financial Data Analyst presso Quantalys Italia.