Articolo > Attualità > Attualità Mercati
Scenari ed eventi: 11 settembre 2001.
11/09/2018 - Luigi Carta
  Imprimer
"Nessun giorno vi cancellerà dalla memoria del tempo." Virgilio, Eneide.

Attraverso i tool di analisi Quantalys è possibile concentrare lo studio su determinate fasi storiche particolarmente salienti per i mercati. Nella lista di tali eventi rientrano anche gli attentati al World Trade Center avvenuti 17 anni fa nella giornata odierna. L’intervallo temporale individuato da Quantalys per tali avvenimenti è il periodo 1/09/2001 – 30/09/2001. Nell’analisi comparata di portafoglio è possibile vedere a confronto l’andamento di due portafogli con un indice di riferimento a scelta in tale periodo. Allo stesso modo nel tool Confronto si ha la possibilità di mettere a confronto fondi, indici, categorie e portafogli transazionali nello stesso slot temporale. Di seguito due esempi.

Figura 1: Analisi comparata di portafoglio

Figura 2. Tool Confronto

Andiamo a vedere che cosa è avvenuto a livello storico allora e il significato che tali eventi hanno avuto per i mercati.

17 anni fa diciannove affiliati all’organizzazione di matrice islamica al-Qāʿida dirottarono quattro voli civili commerciali: due colpirono le Torri Nord e Sud del World Trade Center di New York, uno venne dirottato contro il Pentagono e uno, diretto probabilmente verso la Casa Bianca a Washington, si schiantò in un campo vicino a Shanksville. È l’attentato alle Torri Gemelle, quello che secondo diversi analisti ed esperti di storia contemporanea diventerà in futuro uno spartiacque storico (come è oggi il 1492 o il 1789) che sancisce la fine del conflitto tra comunismo e capitalismo e l’inizio dell’era della lotta al terrorismo internazionale di matrice islamica.

Al-Qāʿida nasce nel 1979 come risposta all’invasione sovietica dell’Afghanistan. Tra i principali protagonisti si ricorda Osama bin Laden attivamente impegnato nella costituzione della formazione Maktab al-Khidamat con l’intento prima di resistere ai sovietici e, dal 1989, di contrastare con forza i “nemici del mondo islamico”. Dal 1996 bin Laden criticò duramente la politica estera statunitense in Israele e in Arabia Saudita divenendo questo il principale motivo che portò agli avvenimenti dell’11 settembre. L’attentato fu organizzato e pianificato da Khalid Shaykh Muhammad, approvato e finanziato da bin Laden per un importo complessivo stimato tra 400 000 e 500 000 dollari.

Negli attentati persero la vita 2974 persone per un totale di circa 90 nazionalità coinvolte. Tra le vittime si contano anche 341 vigili del fuoco e 2 paramedici impegnati nelle operazioni di soccorso. La sola banca di investimenti Cantor Fitzgerals L.P. perse 658 impiegati. Circa 200 persone, con la speranza di trovare una via di fuga, saltarono dalle Torri in fiamme. Il crollo degli edifici fu causato dalla dilatazione termica prodotta dagli incendi incontrollati per ore.

Per tre giorni fu bloccato il traffico civile internazionale su territorio statunitense e la maggior parte degli aerei in volo vennero indirizzati in Canada e Messico.

Il New York Stock Exchange, l’American Stock Exchange e il NASDAQ non aprirono l’11 settembre e rimasero chiusi sino al giorno 17. Alla riapertura dei mercati l’indice Down Jones perse il 7.1% e alla fine della settimana accumulò una perdita per 14.3%. Nei tre mesi successivi all’attentato a New York si persero 430 000 posti di lavoro e 2,8 miliardi di dollari di stipendi. In termini di prodotto interno lordo, tra il 2001 e il 2002, il danno per la città newyorkese è stato calcolato in 27.3 miliardi. La capacità dei viaggi aerei si ridusse del 20%.

Numerosi i danni anche ad edifici minori: 18 000 imprese nelle vicinanze del World Trade Center furono distrutte o trasferite dopo gli attacchi. E, non di poco conto, i danni alla salute: 4 166 casi di cancro a causa delle sostanze cancerogene rilasciate nell’aria.

L’11 settembre rappresenta ad oggi la maggior catastrofe Man – made. Il più grande sinistro Incendio, Infortuni, Vita, Interruzione di esercizio sia a causa dell’elevata concentrazione dei danni in una aerea geografica limitata e sia perché le assicurazioni concedevano, da ormai 40 anni, la garanzia contro il terrorismo in modo del tutto gratuito.

 

 


Luigi Carta - Analyst and Sales presso Quantalys Italia.

lunedì 19 agosto 2019
  Info e supporto